Quelli che ci mettono le mani: Tappezzeria ESSEBI

Abbiamo intervistato Massimo e Sandra Bruscagin, fratelli e fondatori della Tappezzeria Essebi,
un punto di riferimento per il restauro degli interni delle auto d’epoca.

La Tappezzeria Essebi è un’azienda attiva dal 1988 a Pontedera (PI), specializzata nella realizzazione e restauro di tappezzerie auto, moto e nautiche. Sin dagli esordi si dedicano con passione alle auto d’epoca, aumentando di anno in anno il proprio bagaglio di conoscenze e competenze e accrescendo la loro personale rete di fornitori. Attraverso questa riescono sempre a trovare la migliore soluzione per eseguire un restauro degli interni conforme all’originale. La loro filosofia è ispirata al costante aggiornamento attraverso ricerche e studi continui sia dei materiali che dei veicoli dove andranno ad intervenire.

L’intervista

Lorenzo Paciscopi: Buongiorno Sandra e Massimo, partiamo dall’inizio? Come è nata la vostra azienda?

Massimo Bruscagin: Buongiorno a voi. Volentieri, la nostra storia è semplice. La tappezzeria ESSEBI nacque nel 1988, devo dire grazie ad un’idea di mia sorella Sandra e di mio cognato Stefano. Mia sorella aveva già fatto esperienza come sarta ed a lei piaceva questo tipo di lavoro. Io invece nel frattempo avevo raggiunto “l’età della ragione” e quindi per fortuna decisi di imbarcarmi anch’io in questa esperienza.

LP: E come sono stati gli inizi?

Sandra Bruscagin: All’inizio ci occupavamo di tappezzeria in generale, dai tendaggi ai rivestimenti per divani, poltrone fino alle auto e alla nautica. Insomma non ci eravamo specializzati, ma d’altra parte quando si intraprende un’attività non si può fare i preziosi!

LP: E poi cosa è successo?

SB: In quel periodo mio marito, che era appassionato di auto d’epoca, aveva acquistato una vecchia Topolino messa piuttosto male, anche negli interni ovviamente, e ci mise tutti al lavoro!

LP: E tu Massimo che ne pensavi del primo progetto della Tappezzeria Essebi?

MB: Prima di tutto che erano una bella coppia mia sorella e suo marito! Il mestiere da una parte e la passione dall’altra. E devo dire che questa passione ha subito contagiato anche noi, perché non c’è dubbio che riportare ai vecchi fasti un pezzo di storia ha tutto un suo fascino.

SB: Ha ragione Massimo. L’inizio con questa Topolino ci ha fatto scattare un grande interesse verso questo mondo, complesso, ma veramente affascinante. Abbiamo fatto questa scelta anche per cercare una soddisfazione nel lavoro. Entrambi eravamo convinti di dover fare qualcosa che prima di tutto ci appagasse, perché solo così si può creare qualcosa di buono!

MB: Sì, dedicandoci alle prime auto d’epoca abbiamo avuto l’intuizione di specializzarci in questo tipo di lavoro. Ogni giorno ti confronti con un pezzo di storia e gli stimoli non mancano davvero mai… Proprio perché eseguire un restauro di un’auto d’epoca ti permette di superare quella che è la routine del lavoro.

LP: Mi dicevi Massimo che spesso non mancano le sorprese. Insomma, ci si diverte pure.

MB: Sì è verissimo! L’inizio di un restauro è sempre un’avventura. Ogni auto, soprattutto con decine di anni sulle spalle, ha una propria storia. Sembra quasi un diario scritto non con l’inchiostro, ma con i fatti. Uno di questi ve lo racconto perché simpatico. Molte volte, smontando gli interni delle auto nella Tappezzeria Essebi ci siamo imbattuti in oggetti inconsueti: bossoli di pistola, ferri di cavallo e tanto altro ancora. Ma il ritrovamento più inaspettato è stato quello fatto su una Fiat 500 B Topolino del 1948.

Un mestiere ricco di sorprese

LP: Sono curioso, cosa avete trovato?

MB: Bene, dietro una sacca copriruota ben sigillata, oltre ai bossoli e allo scheletro di un topolino – nota bene, un topolino nella Topolino! – spuntò fuori anche un pesce pietrificato, una specie di fossile. Siamo rimasti senza parole…Al che non potemmo che constatare la realtà dei fatti: lì c’era stato un regolamento di conti tra il roditore e il pinnato!

LP: Come vi muovete in questi casi?

SB: Quando non si può fare a meno di sostituire, prima si cerca l’originale, sempre più raro, poi le migliori riproduzioni possibili per tipologia di materiale, colore, consistenza, trama. Insomma, tutte quelle caratteristiche che un sedile, una moquette, un rivestimento possedevano all’origine.

MB: Questi sono i momenti più critici. Quando, per esempio, la rete di persone di nostra fiducia, selezionate negli anni e sparse ovunque in tutti i continenti, ci comunicano che i materiali originali non sono più reperibili.

LP: E qui iniziano i problemi!

MB: In questi casi, vista la rarità e i valori in gioco delle vetture di cui ci prendiamo cura, entrano in campo le nostre nozioni in ambito tessile e conciario. Nozioni che ci hanno dato la possibilità di contattare persone ed aziende in grado di riprodurre i tessuti ed anche i pellami necessari per il corretto restauro degli interni. Ovviamente tutto ciò eseguito con l’avallo dei tecnici certificatori e con il rispetto di tutti disciplinari di fabbricazione dell’epoca!

LP: Un lavoro complesso, ma condizione necessaria per ottenere un restauro formalmente corretto! Immagino che il riscontro con la clientela sia positivo.

SB: Devo dire che fortunatamente i nostri sforzi sono stati premiati. La nostra tappezzeria ha conquistato la fiducia dei clienti perché ha sempre cercato di trovare la migliore soluzione possibile per il ripristino dell’originalità delle auto. Io e mia sorella spendiamo tanto tempo ed energie nella selezione dei migliori fornitori, con i quali, come ti dicevo, ormai abbiamo rapporti consolidati da anni. Negli ultimi tempi, questo approccio è poi diventato indispensabile, visto che i valori in gioco sono aumentati esponenzialmente. Non si può più sbagliare, ma per fortuna noi eravamo già pronti!

LP: Volevo parlare con voi anche di un altro aspetto, secondo me fondamentale quando si parla di restauro completo. Ovvero l’importanza di coordinare figure diverse che intervengono in questa complesso lavoro: il tappezziere, quindi voi, il carrozziere ed il meccanico.

MB: Sì, hai perfettamente ragione. Il restauro complessivo di un’auto d’epoca è necessariamente fatto in concertazione con gli altri professionisti che poi si occuperanno l’uno della carrozzeria, l’altro della meccanica e l’altro ancora della parte elettrica della vettura. Noi, in quanto tappezzieri, spesso siamo coloro che si occupano dell’ultimo step del restauro. Per questo è fondamentale che chi ci ha preceduto abbia eseguito la sua parte a regola d’arte. Pensate cosa succederebbe in caso contrario. Pensate se andassimo a montare un sedile e le guide di scorrimento non combaciassero. O se invece per il montaggio della capote non fossero stati previsti i fissaggi d’origine. Ve lo dico io, sarebbe un dramma!

SB: Non si può pensare di realizzare un lavoro a regola d’arte se le diverse professionalità coinvolte non collaborano tra loro, non si parlano. Da parte nostra diamo sempre la massima disponibilità a programmare ogni intervento e a confrontarci serenamente sia con gli altri professionisti che con il cliente, figura giustamente sempre più esperta e attenta. Solo incastrando perfettamente tutte queste specificità differenti si ottiene un risultato che mantiene il valore nel tempo.

LP: Un’ultima cosa. Ho visto che nell’ultimo periodo ci sono stati un po’ di cambiamenti! La tappezzeria si è ingrandita e c’è una nuova persona che lavora con voi!

MB: Sì infatti, oramai il vecchio laboratorio non bastava più. Ci serviva anche uno spazio più comodo per accogliere i clienti e programmare insieme i lavori da fare. Per fortuna si è liberato il fondo accanto al nostro ed abbiamo unito le due parti! E visto che anche il lavoro iniziava ad essere troppo per essere gestito solo da noi due, abbiamo deciso di cercare qualcuno che ci desse una mano!

SB: E abbiamo preso in azienda Andrea, un ragazzo apprendista, con doti rare di questi tempi: dedizione e passione! Basta guardare come si concentra su quei sedili!

LP: Allora non mi rimane che fare i complimenti a questa bella squadra! Grazie di questa chiacchierata e buon lavoro! Mi raccomando continuate così!

MB: Buon lavoro anche a voi! A presto.

SB: Noi ci mettiamo sempre il massimo dell’impegno! Grazie a voi per essere stati qui.

Scopri il nostro MARKETPLACE, luogo dove domanda e offerta si incontrano per soddisfare le esigenze di ogni appassionato d'Auto d'Epoca. Visita il Marketplace Sei in possesso di un'Auto d'Epoca da restaurare? Contattaci per avere maggiori informazioni sulle migliori officine specialistiche
info@cccars19.com